Lo studio

Tumori, cure nello spazio: cellule killer muoiono a gravità zero

di oggisalute | 29 agosto 2019 | pubblicato in Attualità
Laboratorio_ricerca_fg__3-5-1372016396_3-5-2296992850_3-5-3269683161

Lo spazio si candida a diventare la nuova frontiera della ricerca contro il cancro. Uno studio australiano ha dimostrato che condizioni di gravità simili a quelle presenti nella stazione spaziale internazionale (Iss) hanno avuto un notevole effetto sulle cellule tumorali: “In 24 ore, in questa condizione di micro-gravità, l’80-90% delle cellule muore senza trattamento farmacologico”, afferma Joshua Chou dell’Università della Tecnologia di Sydney (Uts), che ha messo a punto un nuovo device in grado di replicare condizioni di gravità vicine allo zero.

“Abbiamo inserito nel simulatore quattro diversi tipi di tumori: alle ovaie, al seno, al naso e ai polmoni – ha spiegato Chou alla ‘Abc’ – Riducendo la gravità, abbiamo registrato che le cellule non riescono più a comunicare tra loro. Un effetto che incide sulla loro sopravvivenza”. L’ipotesi suggerita dalla ricerca australiana è che i tumori non possano più percepire ciò che li circonda, e quindi le cellule malate entrano nello stato di apoptosi o morte cellulare.

Ora si aspetta di sperimentare direttamente nello spazio. “Ci sono dei problemi da superare per poter avviare lo studio nella stazione spaziale, limiti di peso e di ingombro. E servono almeno 200 mila dollari di investimenti per trovare soluzioni miniaturizzate al device”, ha precisato Chou. “Nella mia testa – ha aggiunto – le possibilità offerte da questa sperimentazione non sono una cura, la ‘pallottola d’oro’ per sconfiggere il cancro, ma qualcosa che possa funzionare parallelamente alle terapie esistenti, ai trattamenti farmacologici e così via, per aiutare ad aumentare l’efficienza delle terapie attualmente in uso”.

(Fonte: Adnkronos)

Tweet

Lascia un commento